Anno all'estero, un'esperienza che ti cambia la vita

September 7, 2018

 

Studiare all'estero è un'opportunità che sempre più studenti delle scuole superiori e universitari colgono. I numeri sono sorprendenti e sempre in crescita. Ogni anno quasi 10.000 studenti italiani, tra i 14 ed i 18 anni scelgono di studiare almeno un trimestre, un semestre o un intero anno scolastico fuori dall'Italia .

Il numero cresce ancora di più prendendo in considerazione anche gli studenti universitari. In questo, la mentalità dei genitori italiani in questi anni è cambiata moltissimo. Mentre prima si tendeva a trattenere i propri figli, oggi, sempre più frequentemente, i genitori si rendono conto che è discriminante in termini di opportunità frequentare e studiare in un'altra nazione.

 

Ma è davvero necessario o si tratta di una moda? Fermo restando che i costi non sono indifferenti, sono diversi i motivi per condividere questa scelta.

 

Il primo beneficio immediato è poter praticare una seconda lingua, in modo naturale e spontaneo. Vivere completamente immersi nella cultura e nella lingua locale, consente di imparare ogni giorno qualcosa di nuovo.

Il secondo beneficio è l'apertura mentale e l'esposizione a culture diverse dalla nostra. Sembra secondario, ma per i ragazzi diventerà un aspetto fondamentale per poi inserirsi nel mondo del lavoro, imparando a relazionarsi in modo indipendente, oltre che a sviluppare un notevole livello di maturità, di senso civico e di rispetto per gli altri.

Un terzo beneficio, anch'esso da non sottovalutare, è che senza la protezione della famiglia ed il comfort degli amici di sempre, si devono sviluppare tutte le compentenze relative al problem solving, sia in termini più concreti, sia nelle relazioni interpersonali.

 

Anche a livello didattico ci sono benifici da non scordare: l'approccio allo studio all'estero è diverso dal nostro, ad esempio si conoscono molti più studenti perchè non esiste il concetto di classe, ma le lezioni sono frequentate da ragazzi differenti. Inoltre, le attività extra-curricolari hanno molta più importanza: lo sport, la matematica, la scienza, la scrittura, il pubblic speaking così come il teatro e la musica sono tutte attività "serie" ed importanti che impegnano ed hanno rilevanza tanto quanto la storia e la geografia.

In questo modo, si possono esplorare talenti e attitudini che qui, in Italia, la scuola ( con i suoi programmi ministeriali da seguire e le tempistiche ristrette) non riesce a valorizzare.

 

Come fare però a scegliere il percorso migliore per i nostri figli?

 

Il nostro suggerimento è affidarsi a strutture organizzate, che abbiano esperienza con le scuole estere ma anche che conoscano le famiglie ospitanti. E' importante che abbiano un riferimento sempre a disposizione per qualsiasi domanda e/o necessità. Ed infine, suggeriamo di rivolgersi a chi sa quali sono le difficoltà che si rischia di incontrare, e le sanno affrontare al meglio per aiutare i ragazzi in questa splendida esperienza di vita.

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Featured Posts

5 consigli per migliorare il tuo inglese con i film

March 17, 2018

1/1
Please reload

Recent Posts
Please reload

Archive